Presto in farmacia integratori personalizzati per post-intervento e pazienti particolari

 

icon1

Presto in farmacia integratori personalizzati per post-intervento e pazienti particolari

  omeopatia allergie prevenzione smog saluteÈ ormai scientificamente dimostrato che ogni paziente è diverso dall'altro, ciò richiede un approccio personalizzato di cura rispetto a un modello standard da somministrare a chiunque.

 

Ad esserne convinto era lo stesso Ippocrate 2.500 anni fa, secondo cui era necessario somministrare medicine diverse a pazienti diversi. L’integrazione tra terapia medica e chirurgica, abbinata a formulazioni mirate di micronutrienti, può contribuire a un più rapido e completo recupero dello stato di salute del paziente.

A sostenere la cosiddetta “cura dopo la cura” sono gli esperti del Gemelli Health System (GHS), società controllata al 100% dalla Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS con il compito di mettere a punto formulazioni per pazienti particolari o con malattie rare. «Le prime miscele studiate per il morbo di Crohn – spiega Enzo Lucherini, direttore generale GSH – arriveranno a fine maggio in tutte le farmacie».

«Abbiamo tradotto la nostra esperienza clinica e di ricerca in una linea che offre opportunità importanti ai malati, non solo a quelli del Gemelli», continua Lucherini. «Così abbiamo studiato una serie di alimenti a fini speciali per patologie rare o inconsuete». L’obiettivo è integrare l'opera del medico curante, offrendogli una nuova risorsa. Un esempio pratico di medicina traslazionale, forte dei risultati del protocollo Nutricatt applicato al programma europeo ERAS (Enhanced Recovery After Surgery, ovvero miglior recupero dopo un intervento chirurgico), per migliorare l'outcome clinico dei pazienti grazie proprio a una nutrizione personalizzata. «Si tratta di miscele che possono essere utilizzate in preparazione di interventi, per favorire il recupero o ancora per completare il ciclo di cure», aggiunge Lucherini.

Studi e ricerche che hanno condotto a risultati concreti. È pronta infatti al lancio sul mercato questa nuova linea di alimenti a fini medici speciali (AFSM) studiati su misura per pazienti con malattie rare o insolite quali sindrome di Prader-Willi, obesità sindromica, sarcopenia cardiochirurgica, malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), RASopatie che costituiscono una famiglia di malattie dello sviluppo caratterizzate da cardiopatia congenita accompagnata da facies dismorfica, ritardo di crescita, deficit cognitivo variabile, anomalie scheletriche e predisposizione all’insorgenza di tumori.

Questi prodotti vengono sviluppati seguendo le indicazioni di medici e nutrizionisti con l'obiettivo di colmare un vuoto e offrire ai pazienti il mix di micro e macronutrienti più adatto. «Le formulazioni sono prodotte da Nutrilinea, azienda con sede a Gallarate in provincia di Varese», precisa Lucherini. «Saranno disponibili anche formulazioni studiate per la preparazione ad interventi cardiochirurgici o per la chirurgia del carcinoma gastrico, del tumore della vescica o del cancro alle ovaie. Diversi studi hanno dimostrato che un'alimentazione mirata comporta anche una riduzione dei giorni di degenza».