Osteonecrosi, c’è il sospetto di incompatibilità tra terapie per l’osteoporosi e cure dentali

icon1

Osteonecrosi, c’è il sospetto di incompatibilità tra terapie per l’osteoporosi e cure dentali

  osteonecrosi da bifosfonati

Con l’invecchiamento generalizzato della popolazione, i bisfosfonati che agiscono sul metabolismo dell'osso sono tra i 20 farmaci più prescritti al mondo.

Farmaci sui quali oggi aleggia il sospetto che possano causare osteonecrosi dei mascellari. «L’osteonecrosi delle ossa mascellari – spiega Fabio Vescini del reparto di Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’AOU Santa Maria della Misericordia a Udine – ha una patogenesi multifattoriale, all’interno della quale gioca un ruolo importante l’infezione dell’osso, caratterizzata da un’area esposta di tessuto osseo nel cavo orale che non guarisce entro 8 settimane dalla diagnosi. Negli ultimi 20 anni si è osservato che questo disturbo rappresenta una potenzialmente rara complicanza della terapia con bisfosfonati o con denosumab, utilizzati per il trattamento dell’osteoporosi, delle metastasi ossee e nella prevenzione della perdita di massa ossea in corso di blocco ormonale nei tumori della mammella e della prostata».

«Questo ha allarmato i pazienti che in alcuni casi mettono in discussione le cure con questi farmaci per timore della complicanza» avverte l’esperto. «Va subito detto che l’osteonecrosi, nei pazienti trattati per osteoporosi, è una malattia estremamente rara: si calcola infatti colpisca 1 paziente ogni 100 mila trattati per anno, ed è curabile con un trattamento odontoiatrico tempestivo, comprendente sempre la terapia antibiotica. Nella cura delle patologie scheletriche benigne, quali l’osteoporosi, i bisfosfonati vengono impiegati con dosaggi bassi, protratti nel tempo e sono assunti quasi sempre per via orale. Per quanto riguarda invece le patologie oncologiche (metastasi ossee), essendo necessarie dosi molto più elevate di farmaco, si ricorre a somministrazioni ravvicinate ad alti dosaggi: si calcola che un paziente trattato per un anno per metastasi ossee riceva una dose paragonabile a quella somministrata in circa 10 anni di trattamento per l’osteoporosi. In campo oncologico l’osteonecrosi delle ossa mascellari è più frequente, pertanto in questi pazienti è importante programmare periodici controlli dentali».

Come orientare il paziente tra la necessità di curare le ossa e contemporaneamente affrontare eventuali cure dentali? «Vista l’alta frequenza con cui si ripresenta – spiega Vincenzo Toscano, presidente dell’Associazione medici endocrinologi (Ame) – la nostra associazione ha dedicato il primo numero di “AME Raccomanda” proprio per fare chiarezza su questo argomento».
«In generale, per le persone in trattamento per osteoporosi – aggiunge Stefania Bonadonna, endocrinologa dell’Istituto auxologico italiano – la raccomandazione principale è di seguire le comuni indicazioni di igiene orale, con maggiore attenzione in pazienti immunodepressi per malattie croniche o in trattamento. Non ci sono controindicazioni ad eseguire estrazioni dentarie o impianti, ma deve essere avvisato il dentista: se la terapia con bisfosfonati o denosumab è in atto da più di 3 anni, bisogna fare una preparazione iniziale con igiene professionale, collutori antibatterici e un’adeguata profilassi antibiotica per almeno 3 giorni prima e 7-10 dopo l’intervento. Quello che deve essere chiaro ai pazienti è che, a differenza di quanto avviene per i bisfosfonati, deve essere assolutamente evitata la sospensione di denosumab per effettuare procedure odontoiatriche, perché esiste il rischio concreto di un notevole aumento di fratture vertebrali».